Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Comunicati Stampa Il teatro nel segno della solidarietà La compagnia degli onesti dedica la commedia La fortuna di diverte alla ricerca della Stella Maris
Azioni sul documento

Il teatro nel segno della solidarietà La compagnia degli onesti dedica la commedia La fortuna di diverte alla ricerca della Stella Maris

Domenica 13 marzo ore 16,30 e 21 Cinema Teatro Olimpia di Vecchianno (Pisa)

Pisa - Quando la solidarietà arriva dal palcoscenico. Così il teatro volge la sua attenzione ai bambini della Fondazione Stella Maris. E lo fa con lo sguardo sensibile e attento di Emanuele Barresi, Direttore artistico della Compagnia degli Onesti di Livorno, che dedica la commedia “La Fortuna di diverte” , ti, in programma domenica 13 marzo nello spettacolo delle ore 16,30 e in quello serale delle ore 21 al Cinema Teatro Olimpia di Vecchiano (Pisa), alla raccolta fondi per la ricerca applicata alla clinica della riabilitazione che viene effettuata presso l'Unità per le disabilità gravi (UDGEE) del IRCCS Fondazione Stella Maris di Calambrone. Infatti il ricavato di questo autentico momento di teatro che porta in scena la commedia di  un grande autori italiani, il livornese Athos Setti, andrà a supporto della ricerca che il team diretto dalla dr.ssa Stefania Bargagna compie nella riabilitazione di gravi disturbi quali quelli della coordinazione motoria e paralisi cerebrali infantili, della disabilità intellettiva sia genetica che acquisita, dei disturbi specifici del linguaggio e dell’apprendimento, della disabilità dello sviluppo complicate da deficit sensoriali visivi/uditivi, di patologie neuromuscolari e disabilità dello sviluppo da encefalopatie acquisite.

 

“Nostro principale obiettivo - spiega la dr.ssa Bargagna - è quello di ridurre o prevenire le difficoltà di sviluppo e l’emergenza di disabilità motorie, cognitive e socio-emozionali. Siamo impegnati anche nel potenziamento della plasticità cerebrale precoce del bambino, ossia la capacità dello sistema nervoso centrale di modificare la propria struttura e funzione con risposta all’interazione tra i geni, le esperienze e gli stimoli ambientali (arricchimento ambientale)”. Molti i progetti in corso: tra questi vanno citati Care Toy, sembra un gioco ma è un “box biomeccatronico” dotato di un tappetino dotato, pareti ed arco multisensoriali (suoni, luci e colori), e giochi sensorizzati in grado di rilevare, registrare e quantificare le attività del bambino. Un altro importante progetto è  “Exergame”, l’ evoluzione tecnologica del videogioco per lo stimolo delle funzioni motorie che offre una possibilità alternativa di movimento ai bambini con disabilità neuromotoria. A sostenere questa realtà  anche la Compagnia degli Onesti e il suo direttore artistico con una commedia conosciutoa molto più del suo autore. Scritta nel 1936 la commedia, conosciuta anche come "L'agonia di Schizzo”, fu tenuta in repertorio per 29 anni dal grande Eduardo De Filippo, di cui Setti era amico e collaboratore: Eduardo, che la tradusse anche in film, l'ambientò a Napoli anziché in Toscana intitolandola "Sogno di una notte di mezza sbornia”. "Mi è sembrato giusto riportare sulle scene il testo originale - afferma Barresi che ne firma l'elaborazione e la regia oltre a vestire i panni del protagonista Alfredo - La fortuna si diverte era ambientata in Toscana e non a Napoli o Roma come invece fecero Eduardo e Petrolini. E poi Setti era livornese e con questo nuovo progetto abbiamo voluto rendere omaggio ad uno dei più importanti autori italiani di commedie”.

 

Al fianco di Barresi, nel ruolo della moglie Isola la straordinaria attrice Daniela Morozzi (nota al grande pubblico nel ruolo di Vittoria, la poliziotta toscana della serie "Distretto di polizia" dal 2000 al 2010), Fabrizio Brandi, Eleonora Zacchi, Riccardo De Francesca, Elisa Franchi, Erika Gori, Maurizio Canovaro e Alessandra Donati. I costumi sono di Adelia Apostolico, elementi di scena di Emidio Bosco.

 

La Compagnia degli Onesti, di cui Barresi è Direttore artistico, nasce a Livorno ed è residente presso il Teatro Goldoni dove debutta nel 2011 con "La donna di garbo" di Carlo Goldoni, nell'adattamento di Marco Messeri ed Emanuele Barresi, spettacolo portato poi in tournée in molte città e teatri d'Italia (Parioli di Roma, Erba di Torino, San Babila di Milano…), con un grandissimo successo di pubblico e critica. Negli ultimi anni la Compagnia è stata presente al festival "Effetto Venezia" con lo spettacolo "Le stanze" e nel 2013 sempre al Goldoni ha tenuto la “prima" nazionale de "La vedova scaltra" di Carlo Goldoni.

 

Emanuele Barresi, attore, ha cominciato a lavorare con la compagnia “Il Teatro del Carretto". In quegli anni conosce Paolo Virzì e insieme lavorano in una compagnia teatrale amatoriale; successivamente approdano nel cinema conl film La bella vita (1994). Compare in Ovosodo (1997), a cui seguono L'estate di Davide (1998) e Baci e abbracci (1999). Da qui il salto a Roma nel cinema e nella fiction  dove presta il suo volto a serie conosciute (tra cui Distretto di Polizia) dove scrive e  dirige opere sue. Ora il teatro e il dono solidale ai bambini della Stella Maris. 

 

 

 

 

 

Ultime notizie
04/10/2018 L’ARIS a proposito dell’open day della riabilitazione indetto dalla CEI Il senso vero dell’accoglienza
03/10/2018 Giornata Mondiale per la Paralisi Cerebrale Migliorare la qualità di vita per bambini e ragazzi: alla Stella Maris l’incontro promosso insieme alle Associazioni Coordinamento Etico dei Caregiver e ASD EppuresiMuove Avviato nell’Istituto pisano il nuovo Centro Terapia innovative nella Paralisi Cerebrale Venerdì 5 ottobre Auditorium viale del Tirreno 341 (Calambrone)
27/09/2018 Così la realtà virtuale diventa uno strumento di riabilitazione per la mente e il cervello del bambino La novità assoluta in Italia per l’applicazione in età evolutiva presentata dalla Fondazione Stella Maris al Festival internazionale della robotica insieme a progetti come Care Toy, la palestrina biometccatronica per la riabilitazione dei bambini sviluppata con l’Istituto di BioRobotica del Sant’Anna; la piattaforma Tele UPCAT per la riabilitazione a domicilio; i robot umanoidi per la cura dell’autismo; le tecnologie per l’individuazione dei segni precoci di disturbi dello spettro autistico
27/09/2018 L’IRCCS Stella Maris partecipa a BRIGHT 2018, la Notte dei Ricercatori in Toscana: il 28 settembre 2018 è presenti agli stand allestiti alle Logge dei Banchi e al CNR L’IRCCS Fondazione Stella Maris di Pisa è un Istituto di ricerca per la diagnosi e la terapia dei disturbi dello sviluppo neuropsichico (DNP) che colpiscono in Italia e nel mondo 1 bambino od un adolescente su 6, un numero purtroppo in crescita. I suoi ricercatori esplorano i meccanismi più complessi della mente nello sviluppo e nella patologia
20/06/2018 Al via il più grande finanziamento mondiale in grado di trasformare il panorama della ricerca internazionale sull’autismo: tra i partner il team della Fondazione Stella Maris e Università di di Pisa Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall'Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN) del King's College di Londra.
Altre notizie…