Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Rassegna Stampa “Rileggere” la sofferenza: il segreto per accogliere il dono della vita
Azioni sul documento

“Rileggere” la sofferenza: il segreto per accogliere il dono della vita

“La gioia... non è la gioia banale, che si fonda sulla dimenticanza degli abissi della nostra esistenza ed è pertanto condannata a precipitare nel vuoto. E' la vera gioia... che nella sofferenza non viene distrutta, ma soltanto portata a maturità"

Francesca Votino


Analizzando attentamente questa citazione tratta  dall’Enciclica Spe Salvi di Papa Benedetto XVI emerge chiaramente  la necessità di ricercare il significato ed il valore della vita, in rapporto con la sofferenza che affligge l’essere umano  

Alcune volte, di fronte ad essa, l’uomo reagisce  passivamente, ripiegandosi su di essa:  altre, al contrario, è la malattia stessa a ribaltare radicalmente la prospettiva ed a decretare  l’inizio di una vita nuova,in quanto  si riscopre e si assapora la bellezza di ogni prezioso istante e di tutto ciò che ci circonda .

 In base a ciò che ho appena affermato si evince quindi come nella sofferenza, sia insita la capacità di comprendere e la forza di amare.  Tale sentimento allora non è da considerarsi un quid astratto, malvagio e punitivo; al contrario tale stato  può donare qualcosa a tutti, a chi la vive in prima persona, a chi ne è spettatore e squarciare un velo  nel quale  ogni individuo si svela.

 Vista in quest’ottica, dunque la sofferenza si concretizza in una meravigliosa opportunità da cogliere prontamente per trasformare il negativo in una sfida da affrontare ed un dono prezioso, di cui prendersi cura.  Pertanto tale condizione diventa una sorta di canale privilegiato per arrivare ad apprezzare e gustare goccia dopo goccia il vero senso profondo dell’esistenza umana che si svela  attraverso un’energia positiva generatrice di Amore, Tenacia, Speranza e Gratitudine verso tutto ciò che ci circonda.  Conseguentemente , la sofferenza colloca l’essere umano di fronte alla scelta estrema dell’assenso, vale a dire pronunciare quel sì incondizionato e pieno, alla propria vita:  affinché quel Sì,diventi concreto e tangibile deve sfociare nella creazione del bene che si attuerà proprio attraverso una grande sofferenza. Tutto ciò appare inspiegabile all’occhio umano, perché trascende nel misterioso disegno divino e si potrà comprendere solo con un cuore pronto ed aperto ad accettare tutto ciò che la vita ci offre in quanto  dono. Infatti questa condizione  deve essere accettata da chi la vive con un SI', attraverso un lento  percorso  introspettivo che cambia lo sguardo, aprendolo ad un’intensa opportunità di crescita personale che  permette di affrontare la vita in un modo diverso ed imparare che possiamo elargire ottimismo,  volontà e forza vitale. È opportuno dunque sfruttare quest’occasione per mettere in evidenza non soltanto la fragilità, ma soprattutto la vitalità  ed il carisma della persona, apparentemente esile, in condizione d'inferiorità, ma in realtà tenace e coriaceo desideroso quindi di rimanere ancorato a quella "vicenda meravigliosa dell’universo e della vita" di cui è  parte attiva e integrante.

Ultime notizie
20/06/2018 Al via il più grande finanziamento mondiale in grado di trasformare il panorama della ricerca internazionale sull’autismo: tra i partner il team della Fondazione Stella Maris e Università di di Pisa Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall'Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN) del King's College di Londra.
28/05/2018 Sfida tra api-robot conclude il progetto di robotica educativa realizzato a Pisa Il progetto della Fondazione Stella Maris e dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna, in collaborazione con la Fondazione TIM e l’ IRCCS Fondazione Stella Maris, è stato realizzato nelle scuole primarie grazie al supporto del Comune di Pisa
09/02/2018 Al via a Pisa al convegno sul bambino con ritardo del linguaggio nei primi tre anni di vita Venerdì e sabato 9 -10 febbraio all’Hotel Galilei, via Darsena 1 a Pisa
02/02/2018 Scene e arie liriche del Don Giovanni per il Progetto Autismo della Stella Maris Venerdì 16 febbraio ore 21.00 Teatro Sant'Andrea di Pisa
12/01/2018 Lutto per la neuropsichiatria infantile, è mancata la professoressa Mara Marcheschi Stella Maris ed Università di Pisa in lutto per la perdita della moglie del prof. Pfanner Pisa - La Fondazione Stella Maris perde un’altra importante figura che ha contribuito alla nascita e allo sviluppo scientifico ed assistenziale dell’Istituto. Ieri sera è mancata dopo una breve malattia la professoressa Mara Marcheschi, 87 anni, già professore associato di neuropsichiatra infantile dell’Università di Pisa e coordinatrice della linea di ricerca in Psicopatologia dello sviluppo della Stella Maris. I funerali si svolgeranno domani venerdì 12 gennaio alle ore 15 a Pisa nella Chiesa del Carmine.
Altre notizie…